Area Professionisti : Incidente sulla rampa d'accesso ai garage, a chi si richiede il danno ?

Contributo da admin su 19 Ago 2013 - 09:14

La Cassazione ha stabilito che, nel caso di incidente che avvenga sulla rampa di accesso ai garage, il danneggiato non viene risarcito dall’ assicurazione RCA.


Nel caso di specie, una minore stava attraversando a piedi la rampa che conduce ai garage sotto la propria abitazione ed è stata investita da una vettura subendo lesioni personali. Ne è seguita la richiesta di risarcimento danni da parte dei genitori nei confronti della compagnia assicuratrice del veicolo, che però ha respinto la richiesta. A questo punto i genitori della danneggiata hanno agito in giudizio per ottenere la condanna del guidatore del veicolo e della compagnia assicurativa.


Quest’ultima ha eccepito che il sinistro, essendo avvenuto in un luogo privato, non era in copertura: eccezione accolta dal Tribunale in quanto la rampa di accesso ai garage non è da considerarsi area addetta al pubblico transito. La pronuncia è stata poi impugnata in prima battuta davanti alla Corte d’Appello che però respinge la domanda. Successivamente, i soggetti hanno avanzato opposizione alla Suprema Corte, che a sua volta, non ha accolto il ricorso. Affinché il caso rientri nell’ambito di applicazione delle norme sulla RCA la Cassazione fa infatti riferimento al concetto di “strada aperta al pubblico transito”, che la precedente giurisprudenza aveva definito come “area di proprietà pubblica o privata che sia aperta ad un numero indeterminato di persone alle quali sia data la possibilità giuridicamente lecita di accedervi anche nel caso in cui dette persone appartengano ad una o più categorie specifiche o accedano all’area per finalità specifiche o per particolari condizioni”. Lo sono, ad esempio, il parcheggio di un centro commerciale o l’area di servizio e rifornimento.


Nel caso in questione, la rampa per accedere ai garage privati per sua connotazione rappresenta un luogo al quale poche e ben determinate persone possono accedere, cioè coloro che devono compiere una manovra d’ingresso o uscita dai garage stessi, e in quanto tale non poteva equipararsi ad un’area di pubblico transito.


I genitori della giovane non potevano, perciò, svolgere l’azione di risarcimento direttamente nei confronti della compagnia assicuratrice, fermo restando che la possibilità di assicurare i danni causati dalla circolazione in aree private è oramai prevista in molte polizze RCA. Ma dal punto di vista processuale, la domanda di risarcimento deve essere diretta nei confronti del danneggiante, che, nell’eventualità in cui possegga una polizza con una clausola di questo tipo, potrà beneficiare della specifica copertura della propria compagnia.


In assenza della copertura estesa alle aree private, vige quanto stabilito dall’art. 2054 del Codice Civile che stabilisce che il conducente di un veicolo (in solido col proprietario dello stesso) è obbligato a risarcire il danno prodotto a persone e cose dalla circolazione dello stesso.


Ultime Notizie

la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria (da admin il 11/28/17 )

La Corte di cassazione, con la sentenza numero 24073/2017 del 13 ottobre (qui sotto allegata), è tornata a ribadire le regole del riparto dell'onere

...
Continuità assistenziale: le rivendicazioni economiche scaturenti dall'accordo integrativo regionale, vanno richieste al giudice ordinario. (da admin il 11/20/17 )
I rapporti cd. "convenzionali" intercorrenti tra i medici di medicina generale e gli enti sanitari, disciplinati da accordi collettivi, hanno
...
Anche ai titolari di struttura semplice a valenza dipartimentale è consentita la partecipazione al bando per direttore sanitario (da admin il 11/13/17 )
La normativa contrattuale "esclude che possano esservi rapporti di subordinazione tra una struttura semplice dipartimentale e una struttura complessa
...
Quale la ratio del diritto all'anonimato della madre (da admin il 11/13/17 )
Il diritto all’anonimato della madre deriva dall’esigenza di tutelare la gestante che versi in situazioni particolarmente difficili dal punto di
...
Autovelox: è il multato a dover provare la segnalazione inadeguata (da admin il 11/13/17 )

In sede di merito, alcuni automobilisti avevano impugnato dei distinti verbali di contestazione per superamento dei limiti di velocità accertati da

...

Articoli più letti

Direttore sanitario di struttura privata: quali i requisiti della subordinazione? (da admin il 11/30/11 7365 pagine viste)

Il direttore sanitario di una struttura privata, pur risultando di aver svolto l’attività a titolo di collaborazione professionale, impugnava il

...
Responsabilità del direttore sanitario nello studio dentistico gestito da società (da admin il 09/24/09 6292 pagine viste)

Una paziente si sottoponeva a cure odontoiatriche presso uno studio dentistico gestito da una società di persone e più specificamente da una

...
Incidente sulla rampa d'accesso ai garage, a chi si richiede il danno ? (da admin il 08/19/13 6125 pagine viste)

La Cassazione ha stabilito che, nel caso di incidente che avvenga sulla rampa di accesso ai garage, il danneggiato non viene risarcito dall’

...
IRAP: medico convenzionato al 100% con il SSN (da admin il 01/18/12 5944 pagine viste)

La Commissione Tributaria Regionale aveva confermato la sentenza favorevole al rimborso dell’IRAP versata da un medico convenzionato con il SSN. La

...
studio condiviso tra MMG convenzionati e saltuariamente con altri specialisti non è ambulatorio polispecialistico (da admin il 10/31/11 5521 pagine viste)

Un medico di medicina generale convenzionato con il Servizio sanitario nazionale, oltre ad esercitare la propria attività nell’immobile di sua

...
La differenza sostanziale tra studio medico e ambulatorio (da admin il 06/21/10 5181 pagine viste)

Che fare quando il regolamento condominiale inibisce la destinazione delle singole unità immobiliari ad ambulatorio dentistico ed attività connesse

...
Irap non dovuta dal medico di famiglia anche se con segretaria part-time (da admin il 07/25/11 4864 pagine viste)

Un medico di assistenza primaria, pur avvalendosi della collaborazione part-time di una segretaria, impugnava una cartella di pagamento emessa a

...
Da quando decorre il termine per proporre querela, in caso di lesioni personali colpose dovute a colpa medica ? (da admin il 08/02/10 4820 pagine viste)

Il termine per proporre la querela per il reato di lesioni colpose determinate da colpa medica inizia a decorrere non già dal momento in cui la

...
Infermiere professionale ed HCV contratta in servizio (da admin il 03/21/11 4658 pagine viste)

Relativamente alla domanda risarcitoria promossa dall’infermiere professionale che contraeva HCV nello svolgimento della prestazione lavorativa

...
Decreto Legge Balduzzi (da admin il 07/02/13 4426 pagine viste)

Il Decreto Balduzzi introduce numerose novità in materia di sanità e salute. Fra cui una nuova regolamentazione della responsabilità professionale

...