Area Privati : Una e-mail vale come prova?

Contributo da admin su 05 Lug 2016 - 16:43

Ormai da parecchi anni è disponibile per tutti la posta elettronica certificata, la quale ha caratteristiche identiche a quelle di una raccomandata A/R. Tuttavia, in moltissime situazioni, le comunicazioni avvengono con la posta elettronica semplice. Quale valore possono avere tali messaggi dal punto di vista giuridico?

La legge n. 59/1997 ha per prima regolamentato la validità dei documenti formati e/o trasmessi con strumenti informatici. Il Codice dell’Amministrazione Digitale (c.d. CAD) di cui al D. Lgs. 82/2005 e successive modificazioni permette di inquadrare giuridicamente una e-mail specificando che essa può essere ricondotta nella categoria dei cosiddetti “documenti informatici” e può essere definita quale «rappresentazione informatica di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti».

E’ possibile paragonare una e-mail a un documento sottoscritto o non ha alcun valore?

Vi sono, in proposito, due orientamenti. Vi è chi considera l’e-mail un semplice documento informatico privo di firma, considerando l’assenza di garanzie che consentano di attribuire allo stesso una paternità certa. Secondo tale posizione, il valore probatorio dell’e-mail sarebbe da rintracciarsi nell’art. 2712 c.c. secondo il quale le riproduzioni informatiche «fanno piena prova dei fatti e delle cose rappresentate» solo se colui contro il quale sono prodotte non le contesta tempestivamente disconoscendone la conformità ai fatti o alle cose medesime.

Una differente visione ha chi considera l’e-mail a tutti gli effetti un documento informatico sottoscritto con firma elettronica semplice. Questa impostazione si giustifica alla luce del fatto che lo userid e la password utilizzati per accedere alla casella di posta elettronica sono considerati mezzi di identificazione informatica e come tali rientranti nella definizione di firma elettronica data dal legislatore.

Tuttavia, si potrebbe obiettare che, sebbene l’accesso alla casella di posta elettronica richieda l’autenticazione dell’utente, ossia l’inserimento di uno userid e relativa password, potrebbe accadere che tali informazioni siano state memorizzate in precedenza in modo tale da consentirne l’accesso immediato. In questo caso la paternità del documento inviato non corrisponderebbe al formale mittente del messaggio. Vi è inoltre la possibilità che il messaggio di posta elettronica ricevuto venga alterato, pregiudicandone l’integrità, o che un’e-mail mai sia creata in modo tale da risultare tra i messaggi di posta ricevuti (o inviati).

In conclusione: il giudice può considerare una e-mail come una prova, ma sussistono diversi fattori da prendere in considerazione.

Ultime Notizie

la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria (da admin il 11/28/17 )

La Corte di cassazione, con la sentenza numero 24073/2017 del 13 ottobre (qui sotto allegata), è tornata a ribadire le regole del riparto dell'onere

...
Continuità assistenziale: le rivendicazioni economiche scaturenti dall'accordo integrativo regionale, vanno richieste al giudice ordinario. (da admin il 11/20/17 )
I rapporti cd. "convenzionali" intercorrenti tra i medici di medicina generale e gli enti sanitari, disciplinati da accordi collettivi, hanno
...
Anche ai titolari di struttura semplice a valenza dipartimentale è consentita la partecipazione al bando per direttore sanitario (da admin il 11/13/17 )
La normativa contrattuale "esclude che possano esservi rapporti di subordinazione tra una struttura semplice dipartimentale e una struttura complessa
...
Quale la ratio del diritto all'anonimato della madre (da admin il 11/13/17 )
Il diritto all’anonimato della madre deriva dall’esigenza di tutelare la gestante che versi in situazioni particolarmente difficili dal punto di
...
Autovelox: è il multato a dover provare la segnalazione inadeguata (da admin il 11/13/17 )

In sede di merito, alcuni automobilisti avevano impugnato dei distinti verbali di contestazione per superamento dei limiti di velocità accertati da

...

Articoli più letti

Direttore sanitario di struttura privata: quali i requisiti della subordinazione? (da admin il 11/30/11 7424 pagine viste)

Il direttore sanitario di una struttura privata, pur risultando di aver svolto l’attività a titolo di collaborazione professionale, impugnava il

...
Responsabilità del direttore sanitario nello studio dentistico gestito da società (da admin il 09/24/09 6310 pagine viste)

Una paziente si sottoponeva a cure odontoiatriche presso uno studio dentistico gestito da una società di persone e più specificamente da una

...
Incidente sulla rampa d'accesso ai garage, a chi si richiede il danno ? (da admin il 08/19/13 6150 pagine viste)

La Cassazione ha stabilito che, nel caso di incidente che avvenga sulla rampa di accesso ai garage, il danneggiato non viene risarcito dall’

...
IRAP: medico convenzionato al 100% con il SSN (da admin il 01/18/12 5950 pagine viste)

La Commissione Tributaria Regionale aveva confermato la sentenza favorevole al rimborso dell’IRAP versata da un medico convenzionato con il SSN. La

...
studio condiviso tra MMG convenzionati e saltuariamente con altri specialisti non è ambulatorio polispecialistico (da admin il 10/31/11 5566 pagine viste)

Un medico di medicina generale convenzionato con il Servizio sanitario nazionale, oltre ad esercitare la propria attività nell’immobile di sua

...
La differenza sostanziale tra studio medico e ambulatorio (da admin il 06/21/10 5206 pagine viste)

Che fare quando il regolamento condominiale inibisce la destinazione delle singole unità immobiliari ad ambulatorio dentistico ed attività connesse

...
Irap non dovuta dal medico di famiglia anche se con segretaria part-time (da admin il 07/25/11 4873 pagine viste)

Un medico di assistenza primaria, pur avvalendosi della collaborazione part-time di una segretaria, impugnava una cartella di pagamento emessa a

...
Da quando decorre il termine per proporre querela, in caso di lesioni personali colpose dovute a colpa medica ? (da admin il 08/02/10 4832 pagine viste)

Il termine per proporre la querela per il reato di lesioni colpose determinate da colpa medica inizia a decorrere non già dal momento in cui la

...
Infermiere professionale ed HCV contratta in servizio (da admin il 03/21/11 4669 pagine viste)

Relativamente alla domanda risarcitoria promossa dall’infermiere professionale che contraeva HCV nello svolgimento della prestazione lavorativa

...
Decreto Legge Balduzzi (da admin il 07/02/13 4430 pagine viste)

Il Decreto Balduzzi introduce numerose novità in materia di sanità e salute. Fra cui una nuova regolamentazione della responsabilità professionale

...