Area Professionisti : GDPR cosa c'è da sapere

Contributo da admin su 25 Mag 2018 - 15:05

Da lunedì 25 maggio 2018 entrerà in vigore in tutti i paesi dell’Unione Europea il GDPR, General Data Protection Regulation, il nuovo regolamento Privacy approvato il 14 aprile 2016 con il quale è stato disegnato un nuovo quadro normativo in materia di protezione dei dati. Ma in cosa consiste precisamente e cosa bisogna fare per essere in regola?

Il GDPR avrà impatto su tutte le imprese e i professionisti che vengano in contatto con i dati personali dei cittadini europei. In particolare le norme interesseranno il trattamento dei dati delle persone fisiche.

Tale normativa è la risposta ad una necessità di maggiore tutela a seguito dell’esponenziale sviluppo del mondo web, crescita che ha richiesto un aggiornamento della disciplina che “garantisce” la privacy e la protezione dei dati personali.

Per dati personali si intendono le informazioni come ad esempio il nome, il numero di identificazione, indirizzo IP, dati relativi all’ubicazione e cookie. Online gli utenti lasciano in continuazione tracce, dati, suggerimenti che svelano alle grandi compagnie della rete i loro interessi e le loro abitudini. Aspetti fondamentali ed indispensabili per una comunicazione mirata e targettizzata come quella contemporanea, che profila gli utenti proprio sulla base della raccolta e dell’elaborazione dei dati.

Il GDPR garantisce a chi naviga sul web il pieno controllo dei propri dati ed in particolare fa chiarezza in merito al modo in cui vengono raccolti, utilizzati e trasferiti a parti terze. Il fine dell’Unione Europea è, ovviamente, quello di rassicurare i cittadini di fronte ai rischi molto tangibili di un mondo in  continua evoluzione come è quello digitale.

Il GDPR sancisce tre fondamentali diritti:

·        diritto all’oblio: è possibile richiedere la cancellazione dei propri dati personali;

·        diritto alla portabilità dei dati: è possibile scaricare e trasferire altrove i propri dati;

·        diritto di accesso: è possibile conoscere come e perché vengono raccolti i propri dati.

Nel caso gestiate dati di persone fisiche entro il 25 maggio sarà quindi necessario informarle in caso di violazione di informazioni nel minor tempo possibile e, in generale, si dovranno tutelare maggiormente gli utenti, garantendogli riservatezza e protezione, e il trattamento dei dati solo nella misura necessaria per gli scopi previsti e per il tempo strettamente necessario.
Il navigatore web dovrà acconsentire al trattamento dei propri dati; la vecchia regola del “chi tace acconsente” non sarà più valida. È indispensabile quindi digitalizzare i dati degli utenti, garantendo loro la massima sicurezza, tracciarne l’utilizzo e averli sempre a disposizione. Non solo, ma è consigliato anche nominare un responsabile per la protezione dei dati (DPO – Data Protection Officer) e uno per il trattamento.

Le sanzioni per chi non rispetta e tutela il visitatore della pagina sono altissime; dal 2% al 4% del fatturato annuo dell’azienda oppure un corrispettivo fino a 20 milioni di euro.

Ultime Notizie

Fantecolo in bike edizione 2019 (da admin il 04/18/19 )

Il comitato organizzatore della 6ª Fantecolo in Bike, ha dato il 100% per organizzare un evento che potesse lasciare un ricordo indimenticabile

...
La sussistenza o meno della responsabilità della struttura sanitaria in caso di c.d. complicanza. (da admin il 04/08/19 )
Secondo la prevalente giurisprudenza di merito e di legittimità, "la complicanza, quale evento avverso correlato all'atto medico e statisticamente
...
Borse 1983-1991: anche chirurgia oncologica va risarcita (da admin il 03/30/19 )
Osserva la Corte che il D.M. 30 gennaio 1998 aveva individuato le discipline equipollenti al fine dell'accesso al ruolo dirigenziale del personale
...
Il rispetto delle linee guida va sempre rapportato alle circostanze del caso concreto (da admin il 03/26/19 )
Nell'ambito della colpa medica, un ruolo peculiare è assunto dalle linee guida dettate dalla comunità scientifica.
Esse costituiscono un nucleo
...
Non corretta asepsi dell'ambiente chirurgico e dello strumentario: risarcisce la clinica ed il primo operatore. (da admin il 03/26/19 )

Né la Casa di cura nè il primo operatore durante il parto e dunque responsabile quale capo equipe della gestione della sala operatoria e

...

Articoli più letti

Direttore sanitario di struttura privata: quali i requisiti della subordinazione? (da admin il 11/30/11 8332 pagine viste)

Il direttore sanitario di una struttura privata, pur risultando di aver svolto l’attività a titolo di collaborazione professionale, impugnava il

...
Incidente sulla rampa d'accesso ai garage, a chi si richiede il danno ? (da admin il 08/19/13 6722 pagine viste)

La Cassazione ha stabilito che, nel caso di incidente che avvenga sulla rampa di accesso ai garage, il danneggiato non viene risarcito dall’

...
studio condiviso tra MMG convenzionati e saltuariamente con altri specialisti non è ambulatorio polispecialistico (da admin il 10/31/11 6610 pagine viste)

Un medico di medicina generale convenzionato con il Servizio sanitario nazionale, oltre ad esercitare la propria attività nell’immobile di sua

...
Responsabilità del direttore sanitario nello studio dentistico gestito da società (da admin il 09/24/09 6608 pagine viste)

Una paziente si sottoponeva a cure odontoiatriche presso uno studio dentistico gestito da una società di persone e più specificamente da una

...
IRAP: medico convenzionato al 100% con il SSN (da admin il 01/18/12 6157 pagine viste)

La Commissione Tributaria Regionale aveva confermato la sentenza favorevole al rimborso dell’IRAP versata da un medico convenzionato con il SSN. La

...
La differenza sostanziale tra studio medico e ambulatorio (da admin il 06/21/10 5606 pagine viste)

Che fare quando il regolamento condominiale inibisce la destinazione delle singole unità immobiliari ad ambulatorio dentistico ed attività connesse

...
Irap non dovuta dal medico di famiglia anche se con segretaria part-time (da admin il 07/25/11 5013 pagine viste)

Un medico di assistenza primaria, pur avvalendosi della collaborazione part-time di una segretaria, impugnava una cartella di pagamento emessa a

...
Da quando decorre il termine per proporre querela, in caso di lesioni personali colpose dovute a colpa medica ? (da admin il 08/02/10 4986 pagine viste)

Il termine per proporre la querela per il reato di lesioni colpose determinate da colpa medica inizia a decorrere non già dal momento in cui la

...
Infermiere professionale ed HCV contratta in servizio (da admin il 03/21/11 4957 pagine viste)

Relativamente alla domanda risarcitoria promossa dall’infermiere professionale che contraeva HCV nello svolgimento della prestazione lavorativa

...
Decreto Legge Balduzzi (da admin il 07/02/13 4548 pagine viste)

Il Decreto Balduzzi introduce numerose novità in materia di sanità e salute. Fra cui una nuova regolamentazione della responsabilità professionale

...