Area Medica : IRAP in condizioni di intramoenia: il medico deve chiedere il rimborso solo alla ASL.

Contributo da admin su 23 Apr 2018 - 14:54

Se l'azienda opera una trattenuta fiscale sui compensi del medico a titolo di Irap, il Fisco riconosce come soggetto passivo dell'imposta solo l'azienda.
In sostanza, se il medico ritiene di avere subito un prelievo illegittimo, all'interno del suo compenso, giustificato dalla ASL., come prelievo fatto a titolo di IRAP è legittimato a richiederne il rimborso verso la ASL e non verso il Fisco. 

ORDINANZA sul ricorso 7113-2017 proposto da:
 AGENZIA DELLE ENTRATE, C.F. 06363391001, in persona del Direttore pro tempore, domiciliata in ROMA, VIA PORTOGHESI 12, presso l'AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende ope legis; - ricorrente - contro PEZZUOLI FRANCO, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA BEVAGNA n.4, presso SANDRO CAPI, rappresentato e difeso dall'avvocato MARCELLO GALIFFA; - controricorrente - avverso la sentenza n. 857/1/2016 della COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE di ANCONA, depositata il 20/12/2016; udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 07/02/2018 dal Consigliere Dott. LUCA SOLAINI. R.G. 7113/17

Con ricorso in Cassazione affidato a due motivi, nei cui confronti il contribuente ha resistito con controricorso, l'Agenzia delle Entrate impugnava la sentenza della CTR delle Marche, relativa al silenzio rifiuto serbato dall'Agenzia delle Entrate, nei confronti della istanza di rimborso dell'IRAP per gli anni 2001-2007. Con un primo motivo, l'ufficio deduce il vizio di violazione di legge, in particolare, degli art. 2 e 3 del d.lgs. n. 446/97, degli artt. 23 e 64 del DPR n. 600/73 e dell'art. 38 del DPR602/73, in relazione all'art. 360 primo comma nn. 3 c.p.c., in quanto, i giudici d'appello, in violazione delle norme di cui alla rubrica avrebbero erroneamente ritenuto che il professionista, medico dipendente a tempo indeterminato di ente sanitario, avesse la legittimazione a richiedere il rimborso per l'Irap che l'Asl gli aveva trattenuto sui compensi a lui dovuti per l'attività libero professionale, in regime di intramoenia, per un debito proprio dell'ASL e non quale sostituto d'imposta. Con un secondo motivo, proposto in via subordinata, l'ufficio deduce il vizio di violazione di legge, in particolare, dell'art. 38 del DPR n. 602/73, in relazione all'art. 360 comma 1 n. 3 c.p.c., in quanto, erroneamente, i giudici d'appello avrebbero implicitamente rigettato - ritenendo assorbite tutte le altre questioni - l'eccezione di parziale decadenza dalla richiesta di rimborso per gli anni dal 2001 al 2006, in quanto, l'istanza era stata presentata dal contribuente solo in data 6.7.2010.

Il Collegio ha deliberato di adottare la presente decisione in forma semplificata. Il primo motivo è fondato, con assorbimento di quello proposto in via subordinata. Secondo l'insegnamento di questa Corte "In tema di IRAP, l'attività libero professionale del medico ospedaliero svolta "intra moenia" rientra nell'ambito del rapporto di lavoro subordinato, sicché è illegittima la trattenuta IRAP operata dall'ASL sui relativi onorari; tuttavia, quel medico, in quanto estraneo al rapporto tributario intercorrente tra la ASL e l'Amministrazione finanziaria, non è legittimato, neppure in qualità di sostituito d'imposta, a richiedere a quest'ultima il rimborso della somma non dovuta. (Nella specie, la S. C. ha cassato la sentenza impugnata che non si era pronunciata sull'eccezione, sollevata dall'Amministrazione finanziaria, di carenza di legittimazione attiva del medico a richiedere il rimborso IRAP)"(Cass. ord. n. 23333/16, 15898/17, 2833/17).

Nel caso di specie, erroneamente i giudici d'appello hanno ricavato dall'assenza di una struttura autonomamente organizzata in capo al medico, la possibilità di richiedere il rimborso della stessa direttamente all'ente impositore, benché l'Asl gli avesse trattenuto l'imposta sui compensi per un debito proprio e non quale sostituto d'imposta. Va, conseguentemente accolto il ricorso, cassata senza rinvio l'impugnata sentenza e, non essendo necessari ulteriori accertamenti di fatto, ex art.384 c.p.c., rigettato l'originario ricorso introduttivo. Il recente formarsi della giurisprudenza giustifica la compensazione delle spese del presente giudizio: PQM LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Ric. 2017 n. 07113 sez. MT - ud. 07-02-2018 -2- Accoglie il ricorso, cassa l'impugnata sentenza e, decidendo nel merito, rigetta il ricorso introduttivo delta contribuente. Spese compensate. Così deciso in Roma, alla camera di consiglio del giorno 7. 2.2018

Ultime Notizie

Torquati Assicurazioni ha partecipato all’evento “La Donna Oggi" (da admin il 01/23/19 )

Torquati Assicurazioni ha partecipato all’evento “La Donna Oggi". un insieme di conferenze e dibattiti alla presenza di grandi nomi dell'ambito

...
Conseguenze per l'operatore della centrale del 118 che non rispetta i protocolli interni (da admin il 01/23/19 )

Il rifiuto di atti professionali dovuti per ragioni sanitarie, di cui all'articolo 328, comma 1, del codice penale, deve essere verificato avendo

...
La dichiarata nullità della clausola 'claims made' rende irrilevante che la richiesta di risarcimento sia pervenuta in data successiva alla cessazione di efficacia del contratto (da admin il 01/15/19 )

La L. 24/2017, nel prevedere a carico delle strutture sanitarie l'obbligo di stipulare contratti assicurativi del tipo 'claims made', dispone che

...
In situazioni di urgenza, il medico provvede prescindendo dall'espressione del consenso informato da parte del paziente (da admin il 12/27/18 )

In tema di cure mediche eseguite in situazioni di emergenza, l'art. 1, comma 7, della l. 22 dicembre 2017, n. 219 dispone che nelle situazioni di

...
Di fronte a sintomi aspecifici il medico non può sospendere il giudizio ed attendere il corso degli eventi. (da admin il 12/13/18 )

Di fronte a sintomi aspecifici, potenzialmente ascrivibili a malattie diverse, o comunque di difficile interpretazione, il medico non può

...

Articoli più letti

Direttore sanitario di struttura privata: quali i requisiti della subordinazione? (da admin il 11/30/11 7920 pagine viste)

Il direttore sanitario di una struttura privata, pur risultando di aver svolto l’attività a titolo di collaborazione professionale, impugnava il

...
Responsabilità del direttore sanitario nello studio dentistico gestito da società (da admin il 09/24/09 6461 pagine viste)

Una paziente si sottoponeva a cure odontoiatriche presso uno studio dentistico gestito da una società di persone e più specificamente da una

...
Incidente sulla rampa d'accesso ai garage, a chi si richiede il danno ? (da admin il 08/19/13 6409 pagine viste)

La Cassazione ha stabilito che, nel caso di incidente che avvenga sulla rampa di accesso ai garage, il danneggiato non viene risarcito dall’

...
studio condiviso tra MMG convenzionati e saltuariamente con altri specialisti non è ambulatorio polispecialistico (da admin il 10/31/11 6078 pagine viste)

Un medico di medicina generale convenzionato con il Servizio sanitario nazionale, oltre ad esercitare la propria attività nell’immobile di sua

...
IRAP: medico convenzionato al 100% con il SSN (da admin il 01/18/12 6046 pagine viste)

La Commissione Tributaria Regionale aveva confermato la sentenza favorevole al rimborso dell’IRAP versata da un medico convenzionato con il SSN. La

...
La differenza sostanziale tra studio medico e ambulatorio (da admin il 06/21/10 5388 pagine viste)

Che fare quando il regolamento condominiale inibisce la destinazione delle singole unità immobiliari ad ambulatorio dentistico ed attività connesse

...
Irap non dovuta dal medico di famiglia anche se con segretaria part-time (da admin il 07/25/11 4934 pagine viste)

Un medico di assistenza primaria, pur avvalendosi della collaborazione part-time di una segretaria, impugnava una cartella di pagamento emessa a

...
Da quando decorre il termine per proporre querela, in caso di lesioni personali colpose dovute a colpa medica ? (da admin il 08/02/10 4903 pagine viste)

Il termine per proporre la querela per il reato di lesioni colpose determinate da colpa medica inizia a decorrere non già dal momento in cui la

...
Infermiere professionale ed HCV contratta in servizio (da admin il 03/21/11 4806 pagine viste)

Relativamente alla domanda risarcitoria promossa dall’infermiere professionale che contraeva HCV nello svolgimento della prestazione lavorativa

...
Decreto Legge Balduzzi (da admin il 07/02/13 4494 pagine viste)

Il Decreto Balduzzi introduce numerose novità in materia di sanità e salute. Fra cui una nuova regolamentazione della responsabilità professionale

...